Chirurgia Estetica   Medicina Estetica   Trattamenti Laser   Detox e perdere peso  
Scegli il tuo Chirurgo estetico

Chirurgia del senoIl risollevamento del seno cadente

mastopessi

La mastopessi o lifting del seno

Con questo intervento (mastopessi o lifting del seno) si risolleva un seno cadente.
Per risollevare il seno si utilizzano varie tecniche in base al singolo caso, alle preferenze del chirurgo, e alla situazione di partenza.



Quando è indicata la mastopessi

L’intervento di mastopessi è utile quando si verifica una ptosi o rilassamento delle mammelle, a causa di:

  • età (invecchiamento)
  • gravidanza
  • allattamento
  • accumulo di tessuto adiposo (grasso)
  • rapido dimagrimento
  • predisposizione genetica

L'intervento garantisce un miglior risultato nel momento in cui le mammelle hanno raggiunto il pieno sviluppo e la paziente inoltre deve essere psicologicamente matura e responsabile.



intervento-mastopessi Descrizione dell'intervento

La mastopessi si esegue sia in anestesia generale che locale.
La durata dell'operazione varia tra l’ora e mezza e le quattro ore,in base al grado di rilassamento del seno.

Dopo l’intervento vengono inseriti dei piccoli drenaggi che servono ad eliminare il ristagno di sangue, causa di ematomi o seromi.

E’ sufficiente il ricovero in day-hospital, con rientro dopo qualche ora.
Nel caso dell’anestesia generale, la paziente rimane in clinica uno o due giorni.




Le cicatrici per il lifting del seno

I vari metodi di operare creano differenti estensioni delle cicatrici che attualmente si cerca di ridurre al minimo.
In un intervento di riduzione, risollevamento o mastopessi le cicatrici possono essere suddivise in tre tipi :

  • Periareolare: la cicatrice segue il contorno dell’areola mammaria. Una nuova tecnica definita Double Skin Technique, comporta l’uso di una rete interna per un risultato più duraturo. In un seno molto cadente solitamente non viene utilizzato questo metodo, bensì viene praticata la tecnica verticale (cicatrice periareolare+verticale).
  • Periareolare+verticale: la cicatrice compare sul bordo dell’areola e verticalmente sino al solco sottomammario.Metodo ottenuto in caso di pessi di media e grande entità ; Dopo poco tempo il tutto diventa pressoché invisibile.
  • Periareolare+verticale+orizzontale: la cicatrice risulta una T rovesciata in seguito ad una grande mastopessi (lifting del seno) in presenza di un seno molto cadente e di una eccessiva quantità di pelle. La cicatrice orizzontale corrisponde al solco sottomammario e perciò nascosta.



Prima dell'intervento
risollevare-seno

Prima dell’intervento viene consegnato alla paziente, un consenso informato che dovrà essere letto e firmato, e successivamente controfirmato anche dal chirurgo; in lui sono contenute tutte le informazioni relative all’operazione in modo tale da evitare disguidi e insoddisfazioni da parte della paziente ed è un documento indispensabile ai fini legali.




Dopo l'intervento
e durata dei risultati

Dopo circa una settimana vengono tolti i punti di sutura, la medicazione sostituita,dopo pochi giorni, con un normale reggiseno e il gonfiore si attenua in alcune settimane; il rientro alle normali attività è possibile dopo pochi giorni.
Il risultato è duraturo anche se l’invecchiamento e la gravità possono modificare ovviamente l’aspetto del seno.



Posssibili rischi e complicazioni

Da anni numerose donne si affidano alla chirurgia estetica per migliorare l’aspetto del loro seno, ottenendo risultati soddisfacenti ma è sempre molto importante informare la paziente sui rischi (anestesia, ematomi, infezione, cattiva cicatrizzazione, alterazioni della sensibilità della pelle) e sui benefici dell’intervento estetico.



protesi-mastopessi Protesi mammarie e mastopessi

Nel momento in cui si interviene con una mastopessi il seno può risultare svuotato (diminuzione della componente ghiandolare e adiposa).
Ecco la necessità di inserire delle protesi mammarie ottenendo così un seno tonico, moderatamente voluminoso e con cicatrici poco evidenti.


Si possono presentare i seguenti casi differenti:

  • Il seno ha perso volume ma i capezzoli e la pelle non sono rilassati: è sufficiente una mastoplastica additiva (inserimento di protesi mammarie).
  • Il seno è vuoto e cadente: impiego di una mastopessi con inserimento di protesi.
  • Il seno è rilassato ma di volume soddisfacente: si interviene con una mastopessi.
  • Il seno è cadente e troppo grande: si utilizza una mastoplastica riduttiva




Costi e prezzi mastopessi

Il preventivo dettagliato per una mastopessi, è possibile ottenerlo solo dopo aver sottoposto la paziente ad una visita preoperatoria, in quanto ogni caso è differente dall'altro.
Mediamente comunque il prezzo della mastopessi è compreso tra 3.800 e 7.000 Euro.



Elenco Chirurghi estetici di tutta Italia
Privacy policy | Cookie Policy | Disclaimer | Contatti